Regolamento dell’ASD ANDREA DORIA TIVOLI Sezione PALLAVOLO

La nostra Associazione Sportiva si basa sull’impegno di persone, che animate dalla passione sportiva, ambiscono a fornire ad atleti, tecnici e sostenitori un ambiente sano e disponibile al gioco della pallavolo, all’allenamento ed alla socializzazione.

Per un’efficace azione formativa, sportiva ed educativa e per una migliore organizzazione delle attività stesse, tutti gli atleti, atlete e i loro familiari, sono tenuti ad osservare le disposizioni contenute nel presente regolamento, che detta le linee di comportamento etico sportivo del progetto “dell’Associazione Sportiva Dilettantistica ANDREA DORIA TIVOLI Sezione PALLAVOLO”.

Con l’iscrizione si accettano automaticamente tutte le regole sottostanti.

Le attività regolamentate dal presente documento sono:

– corsi di avviamento al volley (Minivolley S3)
– attività promozionali
– corsi di pallavolo
– attività agonistica

REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO ATLETI

Regolamento presenze – assenze

– È buona norma presentarsi in palestra 10 (dieci) minuti prima dell’inizio dell’allenamento per aver modo di iniziare tutti insieme. Non è consentito l’uso di attrezzi e palloni in assenza dell’allenatore. Anche in occasione delle partite è opportuno rispettare gli orari stabiliti.
– L’atleta che non può partecipare all’attività prevista (allenamento o partita) deve darne avviso (al dirigente accompagnatore di norma – oppure ad altro Dirigente o allenatore tramite e-mail – SMS, telefono).
– Le assenze agli allenamenti non dovranno essere tali da compromettere il percorso formativo, qualora ciò si verificasse la società si riserva di adottare adeguati provvedimenti disciplinari.
– Le assenze durante le partite andranno giustificate e non potranno superare un numero massimo che si stabilirà insieme in base alla durata dell’anno agonistico. Per esigenze particolari ogni atleta potrà concordare con il proprio allenatore le modalità di assenza.
– Anche in caso di compleanni o ricorrenze particolari ricordarsi di dare sempre la priorità all’impegno preso, allenamento o partita che sia in quanto la mancata presenza danneggia il gruppo.
– Per consentire un’adeguata organizzazione degli allenamenti le date delle gite scolastiche vanno comunicate con largo anticipo agli allenatori.
– Ogni fine mese, verrà redatto un rendiconto delle assenze. La società in base ad esso potrà prendere provvedimenti ed eventualmente chiedere chiarimenti all’allenatore e ai genitori.

Regolamento abbigliamento

– Per la propria incolumità e quella degli altri si consiglia di non indossare orologi, catenine, braccialetti, anelli, orecchini etc… durante le sedute di allenamento e le partite.
– È obbligatorio inoltre legarsi i capelli in modo da non recare fastidio.
– Si consiglia di indossare sempre un abbigliamento adeguato per favorire l’attività sportiva, è obbligatorio avere sempre le scarpe ben allacciate, ed è consigliato l’utilizzo delle ginocchiere.
– Utilizzare la divisa da gioco solo nelle partite di campionato o quando concordato con l’allenatore, negli allenamenti ove previsto indossare l’abbigliamento corretto.
– In occasione delle gare di campionato, bisogna entrare nel campo di gioco in tuta, con la relativa borsa, contenente divisa, documento d’identità, ginocchiere e scarpe da utilizzare solo in palestra.
– Onde evitare continue interruzioni dell’allenamento il cellulare deve essere spento e non si può utilizzare. È consentito l’utilizzo solo in caso di necessità chiedendo il permesso al proprio allenatore.
– Le divise di allenamento o gara non devono essere in contrasto con accordi commerciali esistenti.

La ASD Andrea Doria Tivoli Sezione Pallavolo non risponde del materiale lasciato incustodito durante l’accesso alle palestre.

Regolamento per la sicurezza personale

– È severamente vietato allontanarsi dalla palestra se non autorizzati. Per i minori i genitori preleveranno i propri figli all’interno della struttura in modo da evitare eventuali infortuni all’esterno, salvo diversi accordi con l’allenatore.
– Nel caso di infortunio o dolore è opportuno avvisare immediatamente gli allenatori.
– Nel caso di patologie particolari (es. epilessia, diabete, asma, etc…) è opportuno informare l’allenatore o un dirigente della società. La società garantisce la tutela della privacy.
– Gli atleti tesserati sono obbligati a consegnare il certificato di idoneità Sportiva Agonistica , in caso assenza del certificato l’atleta non può partecipare a nessun tipo di attività.

Regolamento utilizzo spazi ed attrezzature comuni

– Per il rispetto delle cose e del lavoro altrui, si richiede di aver cura e lasciare pulite le attrezzature, gli spogliatoi e tutti i materiali in uso.

Regolamento etico-sociale

– Dato che tutti usufruiamo delle attrezzature a fine allenamento siamo tenuti a risistemare il materiale utilizzato.
– Per uno spirito di squadra si è tenuti a partecipare a tutte le gare di campionato (in casa) anche nell’eventualità di mancata convocazione.
– Le attività sono organizzate per condividere momenti di festa insieme, tutti gli atleti/e sono tenuti a partecipare attivamente alle manifestazioni della società. La mancata partecipazione rientra nel rendiconto delle assenze.
– Durante la gara tenere un comportamento corretto nei confronti del direttore di gara, degli avversari e del pubblico, senza gesticolare, reclamare e fare gesti da scorretti.

QUOTE PER SVOLGIMENTO ATTIVITÀ

Quota associativa

La quota associativa è da pagarsi annualmente e comunque necessaria per iniziare qualsiasi attività.

Quota attività pallavolo

L’atleta che si iscrive per la stagione sportiva è tenuto al pagamento dell’intera quota stabilita, anche nel caso di ritiro dall’attività nel corso dell’anno, in quanto la rateizzazione è esclusivamente una modalità di pagamento facilitata.
In caso di infortunio o malattia o rinuncia, l’atleta può presentare richiesta scritta al Consiglio Direttivo di esonero totale o parziale dal pagamento del canone di frequenza, corredata da certificato medico, aggiornato mensilmente, che comprovi la malattia o l’infortunio che non consente all’atleta di frequentare i corsi, e agli indirizzi e-mail: [email protected] e [email protected]
Casi particolari, concordati in precedenza,ovvero oggetto di valutazioni di carattere sociale e/o di altra natura, saranno esaminati dal Consiglio Direttivo.
Per comprovati ritardi nel pagamento delle Quote associative la Società si riserva di interdire l’accesso agli allenamenti
Sanzioni: sollecito verbale, scritto, esclusione dall’attività.

VINCOLO ATLETI/E

Con l’iscrizione all’attività per la stagione sportiva si stabilisce un vincolo tra Società ed atlete con le modalità stabilite dalla Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV).
Il vincolo FIPAV è annuale fino al compimento del tredicesimo anno. Dopo il tredicesimo anno, il vincolo ha validità fino al ventiquattresimo anno di età. Tale vincolo è stabilito dal FIPAV e non è opzionale per le società aderenti. Il vincolo è stato costituito per dar modo alle società di programmare con serietà e responsabilità le attività nel tempo e rappresenta quindi una tutela per le atlete e per la Società stessa.
Lo scioglimento del vincolo può avvenire nei casi previsti dal FIPAV.
Qualora una atleta manifesti la volontà di svincolarsi, la nostra Società provvederà alla cessione ovvero al prestito secondo le procedure e le tempistiche previste dalla Federazione e secondo le valutazioni del Consiglio Direttivo.
Ricordiamo che la nostra Società è prima di tutto una Associazione che “vuole far vivere l’esperienza dello sport come momento educativo, di maturazione umana, di impegno sociale, di servizio”.
In riferimento al vincolo quindi, appare naturale che non possano essere effettuate costrizioni o forzature, mentre le tutele appaiono altrettanto naturali e legittime.

RISERVATEZZA

Per lo svolgimento dell’attività è necessario che le atlete o i loro genitori sottoscrivano il modulo relativo alla privacy inserito nel modulo richiesta associativo, indispensabile per il trattamento dati secondo quanto previsto dalla normativa di legge vigente.
Tutti i Soci sono tenuti alla riservatezza delle informazioni di cui possono venire in possesso durante le attività. In particolare sono tenuti alla riservatezza delle informazioni (sia di natura personale che societaria) i Componenti del Consiglio e tutti i vari Dirigenti che svolgono mansioni di varia natura.
Per quanto non contemplato vale lo Statuto ed il comune buon senso che è alla base della convivenza associativa.

Le 10 regole dello sport

1. Aver rispetto di se stessi
2. Rispettare le regole di gioco
3. Rispettare i compagni di squadra
4. Rispettare l’allenatore e i dirigenti
5. Rispettare gli avversari e le decisioni arbitrali
6. Formare uno spirito di squadra per concorrere a un obiettivo comune
7. Non tenere comportamenti scorretti
8. Mantenere sempre un comportamento e un linguaggio educato
9. Non fare e non farsi violenza
10. Rispettare le strutture e le attrezzature

Chi non rispetta il presente regolamento è soggetto a sanzioni.

Tivoli, 1 Settembre 2018

Kay System Italia